martedì 2 dicembre 2008

Studiando Sognando...



Mes amis...


Sento che ultimamente il tempo mi scivola via tra le dita, tra studio, servizi vari in casa e palestra.
Soltanto domenica sera per spezzare un pò sono uscita a bere un birra con degli amici. Nel localetto intimo ed accogliente c'erano addirittura i Cure in sottofondo con mio grande stupore. Non capita spesso di poter sentire della buona musica in giro.

A mezzanotte passata ci siamo ritrovati fermi in macchina ai bordi di quella piazza che un tempo, sembrano passati secoli d'allora, mi era tanto familiare...Che mi ha visto crescere, gioire, soffrire, tornare dopo anni...E che ora evito, riuscendo a guardarla soltanto da un finestrino attraverso la pioggia ed il vento, quasi come se non esistesse più.

Nel letto, prima di chiudere gli occhi, oppure mentre studio e dopo mezzora mi ritrovo lì a fissare il vuoto, ferma sulla stessa pagina, mi chiedo incessantemente cos'è che mi riserverà la vita. Come se da un momento all'altro dovesse cambiare tutto, aspettando la grande svolta...Perchè la sensazione per ora è quella di essere di passaggio qui, a casa mia, in questo paese, nonostante adori poter passare del tempo, tempo preziosissimo, con il mio caro papà ed il mio bel fratellone.

...E poi, tra una riga e l'altra, leggendo Sull'utilità e il danno della storia per la vita di Friedrich Nietzsche, mi balzano agli occhi queste parole:

"...La felicità più piccola, purché esista ininterrottamente e renda felici, è senza confronto una felicità maggiore della più grande, che venga solo come episodio, per così dire come capriccio, come idea folle, fra mera sofferenza, brama e privazione. Ma sia nella massima, sia nella minima felicità, è sempre una cosa sola quella per cui la felicità diventa felicità: il poter dimenticare o, con espressione più dotta, la capacità di sentire, mentre essa dura, in modo non storico. Chi non sa mettersi a sedere sulla soglia dell’attimo dimenticando tutte le cose passate, chi non è capace di star ritto su un punto senza vertigini e paura come una dea della vittoria, non saprà mai che cosa sia la felicità, e ancor peggio, non farà mai alcunché che renda felici gli altri..."

25 commenti:

Silvia ha detto...

Ferdinando Scianna
ITALY 1996

l'incarcerato ha detto...

Povero Friedrich Nietzsche, è stato un uomo per niente felice, mai avuto una donna, sempre respinto.
Insomma era uyn vero e proprio sfigato, ma aveva una forza interiore da far smuovere le montagne, ma l'unica cosa che riusciva veramente a fare era muovere òa penna, e con la penna distruggeva il vecchio morale per farne un altro.

ps Cara Silvia, il tempo ci scivola via troppo velocemente. Non va bene!

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Bella frase ma non tiene conto delle avversità della vita che tu spesso non ti scegli

E viste le parole dell'Incarcerato mi sorprende che Nietzche non abbia considerato questa variabile.

Alligatore ha detto...

Felicità è un panino e un bicchiere di vino... parole di uno dei filosofi più rappresentativi dei nostri giorni, purtroppo: Albano ...

Michele ha detto...

mai mangiata polenta con peperoni
ci devo provare, col sugo si ed e' ottima
Ciao Michele pianetatempolibero

Angelo D'Amore ha detto...

penso che ci siano delle differenze tra la guerra in kuwait portata avanti da bush padre, quella in iraq e gli attentati in india. dove sta il petrolio in india?
l'india rappresenta proprio l'avanzamento democratico ed economico di un paese multiculturale, a differenza della cina, dove il comunismo si e' trasformato in "liberismo statalista", un sistema economico che non puo' comunque prescindere dall'america. e' finito il tempo in cui i cinesi da agricoltori sono diventati imprenditori. oggi le loro aziende stanno in un sistema economico globale. non e' strano che dopo le olimpiadi, anche la cina stia conoscendo il suo primo rallentamento nella crescita che e' tornato al di sotto delle 2 cifre.l'america intervenne se non dimentichi, anche in bosnia, contro un paese cristiano e a favore di una minoranza islamica. ma queste cose si dimenticano in fretta perche' alle masse non vengono riproposte, preferendo invece raffigurare gli italiani che prendono cibo tra i rifiuti - sai prima di natale fa molto glamour decadente -
tu fai parte di quella schiera di persone, che ha visto di buon occhio gli americani solo quando ci hanno liberato dai nazisti, con l'aiuto di tanti italiani che tradirono gli alleati.
tu sicuramente fai parte di quella schiera di obamiami dell'ultima ora che pero' davanti ad una bandiera americana trova sempre una certa avversione.

Silvia ha detto...

@L'incarcerato: ...ha fatto pure una brutta fine povero! Morire folli non dev'essere affatto bello...

A presto :)

@Daniele: beh, in effetti...Anche se come dice lui, la felicità sta proprio nel saper sedere "sulla soglia dell'attimo",nel sentirla mentre c'è, godendosela dimenticando le avversità passate.
Almeno questo mi pare di aver capito...

@Alligatore: e non ha tutti i torti questo "grande filosofo" dei nostri giorni! =D

Bisogna sapersi accontentare anche delle piccole cose.

@Michele: penso che la polenta non c'entri molto con Nietzsche :P però provala...E' ottima, di sicuro ti fara felice!

@Angelo: sai già come la penso dopo aver letto il mio commento...

Un saluto

Maurone ha detto...

Stavo per dirti, suvvia.. capita a tutti noi trentenni questi periodi di riflusso nella vivacità della vita... ma perbacco, tu ne hai 26!!!!
Movimiento, movimiento cara mia!!!!

Alligatore ha detto...

Meglio quel filosofo senza donne o il nostro (nostro, si fa per dire) con quelle donne? Stringi, stringi le conclusioni sono le stesse ...

valeria ha detto...

interessante, come qualcuno che ha qualcosa da dire :D

Bleek ha detto...

Beh, sul sentirsi di passaggio non sei la sola, non posso dirti se sia una sensazione normale.
Tuttavia la frase di Nietzsche, che potrebbe tranquillamente accomunarsi con il sempre verde carpe diem, penso abbia un suo fondo di verità.
Quanta felicità persa per il solo fatto di non vivere il momento...

Anna ha detto...

Ciao Silvia cara!
Mi ha intenerito leggere le tue parole circa il dubbio su ciò che il domani ti riserva. La tua età è bellissima, godila assaporando la felicità, nelle piccole e grandi cose. Vivila semplicemente, per come arriva. Ma bisogna saperla riconoscere, questo sì.
Il tempo scivola e vola, non possiamo fermarlo, possiamo semplicemente volare e scivolare con lui.
Un bacio...

stellavale ha detto...

Il tempo che scivola... ti capisco benissimo!

valeria ha detto...

passo e ti saluto..:D
a breve mi aggiornerò sul tuo blog

Silvia ha detto...

@Maurone: essì...Va a periodi :)

Non appena mi sarà possibile lo farò il movimiento!

@Alligatore: meglio soli che male accompagnati...Soprattutto con una come la sua ex :D

@Valeria: benvenuta! Ho già dato un'occhiata al tuo blog come sai...

Credo proprio che ripasserò ;)
Un saluto!

Silvia ha detto...

@Bleek: meno male che non sono la sola a sentirmi così, questo mi consola :)
Mi chiedo se un giorno, cambiando posto, questa sensazione svanirà.

Bisogna godere della felicità quando arriva, ed io, per quanto mi è possibile, ci provo per non avere rimpianti dopo...

A presto Bleek!

@Anna: che bello vederti da queste parti :D

E' proprio vero...Bisogna saperla riconoscere la felicità quando arriva per poterne godere e questo non sempre accade.
Può capitare di accorgersene dopo, quando è troppo tardi.

Cercherò di seguire il tuo saggio consiglio, grazie!

Un abbraccio =)

@Stellavale: si si...Però è bello sapere che siamo in tanti a volare insieme a lui :)

streetbook ha detto...

ciao! è nato un nuovo sito di lettura e condivisione di opinioni.
www.street-book.blogspot.com
se sei uno scrittore alle prime armi, collabora con noi e inviaci i tuoi lavori,
al fine di farti conoscere e mettere ciò a disposizione di editori
e di chi possa interessarsene.
sul blog troverai, nelle varie sezioni, ciò che ti interessa:
Libreria e recensioni: dove puoi consigliare libri e recensirli con la tua personale opinione;
Aspiranti scrittori: dove troverai i lavori di chi ha deciso di collaborare e lasciare la tua opinione;
Utenti collaboratori: dove trovarai i link di chi ha deciso di collaborare;
Contatti editori: in questa sezione troverai tutto per poterti mettere in contatto con vari editori;
Inviaci i tuoi lavori: e infine, qui troverai tutto per inviare i tuoi lavori che in seguito verranno pubblicati.
spero collaborerai con noi e invierai i tuoi lavori al fine di farti conoscere!
valeria (www.ledimensionidelmiocaos.blogspot.com)

valeria ha detto...

ahahahah quell'idiota è il mio ragazzo! ahahahahh :D
una buona gionata anche a te!
a presto!
grazie del link! :P

streetbook ha detto...

partecipa al dibattito
''L'OPPORTUNITA' NEGATA E SOPITA DEI GIOVANI SCRITTORI ESORDIENTI'
su www.street-book.blogspot.com
alla voce 'Utenti e Dibattiti'!
di la tua! ;D

aldievel ha detto...

Dai dai! Ce la facciamo! E' solo questione di un pò di tempo e volontà!
Non temere! Nel frattempo cerca di non deprimerti e studia...Io ci sono.

Un bacio

=D

Silvia ha detto...

@Aldievel: ci provo...
Grazie del sostegno!

=) bacetti

UIFPW08 ha detto...

Nel letto, prima di chiudere gli occhi, oppure mentre studio e dopo mezzora mi ritrovo lì a fissare il vuoto, ferma sulla stessa pagina, mi chiedo incessantemente cos'è che mi riserverà la vita. Come se da un momento all'altro dovesse cambiare tutto, aspettando la grande svolta...
La storia siamo noi ogni istante ogni secondo non immaginare oltre non siamo fuori il sistema siamo dentro il sistema ed il sistema lo muoviamo Noi, con le ns, forze con la ns, rabbia e con la ns, capacità.Ciao un bacio.Morris

Pupottina ha detto...

chiederci cosa ci riserva la vita è qualcosa che non si smette mai di fare...
basta un momento di pausa e l'enigma ritorna... a qualsiasi età... credo che gli esseri umani non riescano mai a trovare un po' di pace, perché raggiunta una meta, già se ne inventa una prossima... sempre senza sosta... in fondo questo è un bene... no?

buon weekend lungo

^_______________^

Arthur ha detto...

L'ultima volta che ho letto le tue parole da un amico "sto aspettando qualcosa che cambierà tutta la mia vita, ma non so neanche io cos'è" questo conobbe una ragazza e poi si sposò.
Fai buon uso di questo suggerimento.
Ciao

Silvia ha detto...

@Maurizio: hai ragione infatti ci sto lavorando sù :)

@Pupottina: sì che è un bene, sicuramente è stimolante...Anche se ogni tanto un pò di pace non guasta, che ne dici?

Per me cmq è ancora presto...Ne ho di strada da fare!

Un bacio ;)

@Arthur: oh cavolo! :D
...No, non credo proprio di correre questo "rischio" almeno per i prossimi anni"!

Tanto per iniziare vorrei cambiare posto, trasferirmi, non appena sarà possibile...